Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Agricoltura, l’Assessore Satta avvia il primo tavolo della filiera del vino: “Produzione vinicola regionale d’eccellenza da salvaguardare con soluzioni di premialità per mantenere standard qualititativi elevati e valorizzare l’attività dei consorzi”

L’Assessore ha rimarcato l’importanza della salvaguardia dei vitigni autoctoni e la valorizzazione delle produzioni territoriali sulla cui qualità e peculiarità deve essere maggiormente focalizzata l’attenzione delle istituzioni.
Satta filiera del vino
Cagliari, 20 gennaio 2023 - L’assessore dell’Agricoltura, Valeria Satta, ha ricevuto oggi, nella sede dell’assessorato, i delegati del Consorzi Vitivinicoli e delle Associazioni rappresentative del comparto.

L’Assessore ha rimarcato l’importanza della salvaguardia dei vitigni autoctoni e la valorizzazione delle produzioni territoriali sulla cui qualità e peculiarità deve essere maggiormente focalizzata l’attenzione delle istituzioni.

“Abbiamo condiviso le problematiche di maggiore incombenza” ha detto l’assessore Satta. “Mi impegno ora ad individuare, nel minor tempo, le soluzioni più idonee, soprattutto relativamente alle premialità sul mantenimento di standard di qualità elevati, alla massima valorizzazione delle forme aggregative dei produttori, sia al fine di incrementare la produzione, sia per una maggiore competitività in ambito extra-regionale, con un’attenzione anche alla promozione del prodotto. Inoltre, lavoreremo sulla formazione professionale per ciò che caratterizza la filiera: dalla lavorazione del cultivar alla commercializzazione del prodotto”.

Dall’incontro è anche emersa la necessità di incentivare, sotto molteplici profili, la promozione del comparto vitivinicolo “al fine di scongiurare, tra l’altro, l’eventualità di dismissione di talune aree viticole in diverse parti dell’isola”.

“La produzione vinicola regionale – conclude l’assessore dell’Agricoltura – è un’eccellenza, in termini qualitativi più che quantitativi. Sulla base di ciò, ed unitamente ad una maggiore sollecitazione dell’attività consorziata a sua tutela, deve focalizzarsi l’interesse delle istituzioni regionali”. Seguiranno ulteriori incontri finalizzati a portare avanti i programmi intrapresi.