Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Titolo V - Corte Costituzionale

In queste pagine è possibile consultare tabelle, schede, fonti, riferimenti bibliografici, link di interesse costituzionale relativi alla giurisprudenza costituzionale sul Titolo V della Costituzione.

La legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3, modificando il Titolo V della parte seconda della Costituzione, ha innovato i rapporti tra Stato, regioni ed enti locali potenziando il principio di autonomia.
In questa direzione si muove la nuova ripartizione delle competenze legislative tra lo Stato e le regioni che, adottando il modello degli stati federali, ha limitato ad un elenco tassativo le materie riservate alla legislazione esclusiva statale e ha inserito una clausola di attribuzione residuale esclusiva a favore delle Regioni, distinguendo l’area di competenza concorrente.

L’attuazione della riforma costituzionale è stata, ed è tuttora, fortemente problematica anche a causa delle difficili e numerose questioni interpretative e applicative. In questo contesto si inserisce lo sviluppo della giurisprudenza costituzionale relativa al contenzioso tra Stato e Regioni: la Corte, con le sue pronunce, sta svolgendo un importante ruolo di indirizzo e di interpretazione dei nuovi principi costituzionali, precisando spazi e limiti delle diverse competenze.

Alla luce di queste considerazioni il Servizio Riforma della Regione sta portando avanti un progetto di monitoraggio e di analisi sugli atti di promovimento dei giudizi e sulle pronunce della Corte costituzionale. L’obiettivo è quello di poter disporre di un quadro organico e aggiornato della giurisprudenza costituzionale sufficientemente esauriente ed esplicativo ma anche sintetico e di facile consultazione.
La pubblicazione del materiale prodotto ha lo scopo di fornire anche all’esterno un agevole strumento di conoscenza delle problematiche aperte dalla modifica del Titolo V, parte seconda della Costituzione.

Visita il sito del Monitoraggio Titolo V