Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lavoro, Flexicurity e Garanzia giovani, aperto il tavolo partenariale

24.11.14 - comunicati stampa - anno 2014
Proseguono gli incontri per illustrare le misure di Flexicurity e Garanzia Giovani che l'assessorato del Lavoro ha messo in campo per potenziare il sistema delle politiche attive del lavoro. Da un lato le iniziative pubbliche nelle diverse zone della Sardegna, dall'altro gli incontri con il coinvolgimento delle parti sociali.

L'assessore del Lavoro Virginia Mura, questa mattina a Cagliari, ha incontrato il Tavolo Partenariale, del quale fanno parte i rappresentanti dei sindacati e delle associazioni datoriali, con l'intento di stabilire i criteri per sottoscrivere un protocollo d'intesa che definisca una tabella di marcia condivisa volta ad accelerare e potenziare l'efficacia degli strumenti finora messi in campo. "In questo momento - ha detto l'assessore Mura - occorre unire le forze e trovare le soluzioni ottimali per non disperdere le risorse a disposizione e dare un nuovo corso agli interventi sul lavoro, basati sul sistema delle politiche attive".

Gli stessi concetti sono stati espressi dall'assessore Mura nei giorni scorsi, a Terralba, in un incontro pubblico convocato per illustrare le linee strategiche che stanno caratterizzando l’azione della Giunta che ha stanziato 26 milioni di euro per la Flexicurity, misura rivolta a una platea di circa 4000 lavoratori, di età compresa tra i 40 e i 59 anni, fuoriusciti dal regime di ammortizzatori sociali in deroga. "Partendo da una riorganizzazione complessiva dei servizi per il lavoro - ha detto la titolare del Lavoro - si stanno creando le condizioni per invertire il sistema di interventi, essenzialmente basati sulle politiche passive e di sostegno al reddito, per affermare invece un approccio attivo, fondato sull’incentivo e l’accompagnamento al lavoro, che coinvolge più direttamente i singoli individui, affiancati dal soggetto pubblico nelle fasi di ricerca, di orientamento, di inserimento e reinserimento".

Un altro tassello delle politiche attive del lavoro è il programma Garanzia Giovani per il quale sono stati assegnati alla Sardegna oltre 54 milioni di euro. Il programma, partito a maggio di quest’anno, proseguirà per tutto il 2015, e i giovani possono ancora iscriversi. Attualmente hanno aderito circa 20.000 persone. Nei prossimi giorni andranno avanti le iniziative di promozione che, soprattutto in questa fase, mirano a stimolare l’interesse degli imprenditori. Nelle scorse settimane sono iniziati gli eventi di informazione sul territorio regionale promossi dall’assessorato regionale del Lavoro e dall’Agenzia regionale per il lavoro, in collaborazione con l’INPS, gli ordini provinciali dei Consulenti del lavoro, le Camere di Commercio, le associazioni di categoria e le Province che, attraverso i Centri dei Servizi per il Lavoro, stanno prendendo in carico e orientando tutti i giovani che hanno aderito al Programma. Gli incontri hanno l’obiettivo di coinvolgere i giovani e le aziende, di promuovere in modo capillare le informazioni relative all’attuazione del Programma e di presentate le opportunità offerte e le modalità per partecipare. Il Programma, infatti, oltre che per i giovani, è un’importante occasione anche per le imprese che, beneficiando delle agevolazioni previste, possono investire su giovani motivati e rinnovare così il loro capitale umano.

I prossimi incontri si terranno a Sassari, Olbia e Tortolì. A Sassari domani, 25 novembre, alle ore 10, nell’aula magna del Liceo classico "Azuni". Nel pomeriggio, sempre a Sassari, alle 16 nella sala convegni della Camera di Commercio. A Olbia mercoledì 26 novembre, due appuntamenti: il primo alle ore 10 e il secondo alle 15.30. Gli incontri si terranno nella sala Consiliare della Provincia di Olbia-Tempio. Infine l’incontro a Tortolì che si terrà venerdì 28 novembre alle ore 10.