Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Nei siti della Regione l'audio delle gare sui palchi dei poeti estemporanei

23.11.06 - comunicati stampa - anno 2006
Poesia "a bolu" sul web. I Sardi dispersi nel mondo, gli studiosi e gli amanti del bello potranno rincontrarsi nella grande piazza virtuale della Regione per riascoltare Piras e Tuccone nell'esibizione a Samugheo del 1965. Oppure Sotgiu e Piredda che si sfidavano a Seneghe nel 1964.
Cagliari 22 novembre 2006 - Da qualche giorno è presente sul portale regionale SardegnaCultura, sezione "Lingua Sarda", la prima parte di un archivio multimediale delle gare poetiche "a bolu" dei poeti estemporanei logudoresi: oltre venti gare degli improvvisatori del secolo scorso, notizie, biografie, storia, dinamiche e modalità delle gare. Delle venti gare, dieci sono state interamente trascritte in sardo.
Importantissima operazione di salvaguardia del patrimonio linguistico e culturale della Sardegna che al contempo rende possibile la più ampia fruizione oltre le barriere dello spazio e del tempo.

Un'essenziale sezione didattica dà conto dei moduli compositivi dei poeti e delle varie fasi della "gara", che consisteva e consiste nella competizione dei "cantadores" che argomentano su temi sorteggiati prima dell'esordio, improvvisando in rima. Non mancano le biografie dei cantadores più conosciuti e famosi, accorpati per generazioni. Il corredo di fotografie rende le persone e le posture di cantadores dei primordi, come Antoni Cubeddu o Zusepe Pirastru, e istantanee di gare famose di Piredda, Masala o Mura.

Il progetto, in linea con la politica regionale di riscoperta e valorizzazione del patrimonio culturale sardo, prevede altre iniziative innovative di tutela, valorizzazione e diffusione: l'ampliamento dell'archivio multimediale con l'acquisizione del maggior numero possibile di gare registrate a partire dagli anni 50; la promozione di studi e ricerche che diano contesto e facciano emergere le singolarità delle diverse espressioni sarde, mediterranee e mondiali di improvvisazione formalizzate in rima; la promozione della Festa della poesia estemporanea, con iniziative didattiche e di spettacolo, che rivitilizzino un così prezioso e raro patrimonio, che in Sardegna preserva modi rappresentativi, stilemi e varietà espressive ormai non più rintracciabili in altre parti del mondo.