Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Campagna vaccinale, le prenotazioni degli over 16 arrivano a 100mila. Il Presidente Solinas: "La Sardegna riparte dai giovani verso il traguardo del ritorno alla normalità"

In meno di 24 ore sono stati 100mila i nati dal 1982 al 2004 che hanno prenotato l'appuntamento per la vaccinazione. Complessivamente in Sardegna salgono a 591mila le prenotazioni eseguite tramite la piattaforma di Poste Italiane.
Cagliari, 5 giugno 2021 - Accelera la campagna di vaccinazione in Sardegna ed è boom di prenotazioni dei cittadini nella fascia 16-39 anni, da ieri abilitati nell'Isola a richiedere la somministrazione negli hub e nei centri vaccinali attraverso la piattaforma di Poste Italiane. In meno di 24 ore sono stati 100mila i nati dal 1982 al 2004 che hanno prenotato l'appuntamento per la vaccinazione. Complessivamente in Sardegna salgono a 591mila le prenotazioni eseguite tramite la piattaforma di Poste Italiane.

"Una meravigliosa risposta dei giovani, una forte spinta da parte loro alla campagna vaccinale, che conferma i segnali registrati nella giornata di ieri, nelle prime ore dall'apertura delle prenotazioni agli over 16. Tanti giovani che saranno immunizzati e che, dopo l'estate, potranno tornare sui banchi di scuola o all'università in un contesto diverso, in una nuova normalità di cui anche loro saranno protagonisti, grazie al vaccino e dopo tanti sacrifici", dichiara il Presidente della Regione Christian Solinas. "Oggi la Sardegna – conclude il Presidente – riparte da questa voglia di libertà dei nostri giovani e con loro vogliamo tirare la volata verso il traguardo della piena immunizzazione della nostra Isola”.

“Dai giovani un segnale positivo”, dichiara l'assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu. “Questa è una battaglia che si vince tutti insieme. Se il virus ha prodotto distanziamento e isolamento sociale, il vaccino, al contrario, sta nuovamente unendo le persone verso il traguardo comune, fuori dall'emergenza. Il 42% dei sardi ha già ricevuto la prima dose e il riflesso sul quadro epidemiologico generale è incontrovertibile. Servirà ancora uno sforzo, ma l'impegno sul nostro territorio è forte”.