Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Legge regionale 03 ottobre 1952, n. 26

Istituzione di centri di lettura.
Il Consiglio Regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Art. 1
Allo scopo di collaborare con lo Stato nella lotta contro l'analfabetismo, l'Amministrazione regionale è autorizzata ad istituire centri di lettura, collegati alle scuole elementari e popolari, nei Comuni ove non esistono centri di lettura istituiti dallo Stato.

Art. 2
I centri saranno ripartiti fra le Provincie Sarde, sentito il parere dei rispettivi Provveditori agli Studi. La ripartizione dei Centri spetta all'Assessore Regionale all'Igiene, Sanità e Pubblica Istruzione.

Art. 3
La spesa annuale per ogni centro di lettura non può superare le lire 100.000 e sarà ripartita dall'Assessorato Regionale all'Igiene Sanità e Pubblica Istruzione come segue:
- il 60% per acquisto di libri e pubblicazioni periodiche
- il 30% per compenso forfettario all'insegnante;
- il 10% per indennità di vigilanza al Direttore didattico, per spese d'ufficio al Provveditore agli Studi, per indennità di ispezione all'Ispettore scolastico.
I fondi occorrenti per il finanziamento saranno messi a disposizione dei Provveditori agli Studi che dovranno presentare rendiconto all'Assessorato.

Art. 4
La scelta dei libri di testo e delle pubblicazioni cadrà , di preferenza, sui lavori di carattere storico, economico e sociale concernenti la Regione Sarda e su quelli di carattere professionale. Tale scelta dovrà essere sottoposta all'approvazione dell'Assessorato Regionale all'Igiene, Sanità e Pubblica Istruzione.

Art. 5
I libri sono presi in carico dall'insegnante addetto al centro di lettura, il quale ne risponde secondo le norme vigenti per le biblioteche scolastiche.

Art. 6
I libri sono di proprietà dell'Amministrazione Regionale; in caso di chiusura di un centro l' Assessore Regionale all'Igiene, Sanità e Pubblica Istruzione ne dispone la distribuzione ad altri centri e biblioteche.

Art. 7
Le spese fanno carico al Capitolo 91 del Bilancio regionale 1952 ed a quelli corrispondenti dei bilanci successivi. La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

Data Cagliari, il 12 novembre 1952