Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Competitività delle PMI, pubblicato il bando T3: 20 milioni, click day a febbraio. Paci: imprese al centro della nostra politica, in due anni messi in campo oltre 250 milioni

Con la pubblicazione di questo bando (a dicembre è prevista la fase di caricamento della documentazione e nei primissimi giorni di febbraio il click day), si chiude il cerchio sui bandi per le imprese voluti dalla Regione, che ha messo in campo oltre 250 milioni di euro in due anni per tutte le tipologie di imprese e target di finanziamenti.
Cagliari, 19 novembre 2018 - È stato pubblicato dalla Regione il bando T3 per la competitività delle piccole e medie imprese. Dotazione iniziale 20 milioni di euro, finanziamenti possibili previsti fra 1,5 e 5 milioni di euro, procedura a sportello e non a graduatoria per accelerare al massimo i tempi e, novità di questo bando, possibilità di finanziamento anche per le new co., le nuove aziende fondate però da imprese già esistenti. Con la pubblicazione di questo bando (a dicembre è prevista la fase di caricamento della documentazione e nei primissimi giorni di febbraio il click day), si chiude il cerchio sui bandi per le imprese voluti dalla Regione, che ha messo in campo oltre 250 milioni di euro in due anni per tutte le tipologie di imprese e target di finanziamenti.

DALLA PARTE DELLE IMPRESE PER SVILUPPO E OCCUPAZIONE - “La politica a sostegno delle imprese è stata sin da subito centrale nelle scelte e nelle azioni della Giunta, e mai in passato come ora, con la piena consapevolezza che soltanto le imprese possono creare occasioni di sviluppo e dunque di crescita economica e occupazionale”, dice l’assessore della Programmazione Raffaele Paci. “Una politica che garantisce finanziamenti certi, abbiamo messo in campo oltre 250 milioni di euro, e che contemporaneamente è sempre stata sostenuta da un forte impegno ad agire sul fronte della burocrazia, anche se trattandosi di fondi europei purtroppo non è facile semplificare procedure a volte estremamente rigide. Di sicuro avremmo voluto tempi più rapidi, ma purtroppo ci sono controlli che non dipendono dalla nostra volontà: da parte nostra c’è però il massimo e quotidiano impegno per dare le risposte immediate di cui gli investitori hanno bisogno in tempi certi”.

TUTTI I BANDI PUBBLICATI - Aiuti alle nuove imprese, 13 milioni con tagli fra 15 e 500mila euro; T1 per le imprese esistenti, 12 milioni con tagli fra 15 e 150mila euro; T2, Aumento della Competitività: 27 milioni, tagli fra 200 e 800mila euro. T4, Contratti disviluppo con manifestazione d’interesse, 25 milioni e tagli fra 5 e 20 milioni. Ci sono poi tutti i Bandi Innovazione: Aiuti per progetti di ricerca e sviluppo (25 milioni), Progetti Cluster (12 milioni); Aerospazio (5 milioni), Voucher StartUp (3,5 milioni), Microincentivi (2 milioni). Infine, Aiuti alle nuove imprese innovative (2 milioni e mezzo), Bandi internazionalizzazione (10 milioni) e Bandi culturali (11 milioni).

IL PUNTO DOPO DUE ANNI - Due i dati importanti che emergono analizzando tutta la politica dei bandi nel suo complesso: la grande varietà di tipologie, per dare risposte adeguate a ogni esigenza, e la straordinaria risposta delle imprese che a ogni appuntamento con il click day (adeguatamente annunciato e con tutte le procedure burocratiche avviate nelle settimane precedenti per evitare intoppi dell’ultimo minuto) hanno con le loro richieste sempre superato l’importo disponibile. “Un segnale molto positivo, perché significa che le imprese vogliono investire, e se vogliono investire vuol dire che hanno di nuovo finalmente fiducia nel futuro. Per questo motivo ci siamo impegnati a rifinanziare i bandi laddove ne emerga la necessità - conclude il vicepresidente della Regione - garantendo che tutte le domande in regola e con un progetto valido verranno finanziate”.


Bando