La Giunta è l'organo di governo della Regione. È formata dal Presidente e da dodici Assessori, che sono nominati dal Presidente.

Composizione della Giunta

Gli Assessori presiedono al funzionamento degli uffici e dei servizi dell'Assessorato di competenza, preposto a uno specifico ramo di amministrazione della Regione. Gli Assessori sono i seguenti:

  • Mariaelena Motzo - Affari generali, Personale e Riforma della Regione;
  • Giuseppe Meloni - Programmazione, Bilancio, Credito e assetto del territorio;
  • Francesco Spanedda - Enti locali, Finanze e Urbanistica;
  • Rosanna Laconi - Difesa dell'ambiente;
  • Gian Franco Satta - Agricoltura e Riforma agro-pastorale;
  • Angelo Francesco Cuccureddu - Turismo, Artigianato e Commercio;
  • Antonio Piu - Lavori pubblici;
  • Emanuele Cani - Industria;
  • Desiré Alma Manca - Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale;
  • Ilaria Portas - Pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport;
  • Armando Bartolazzi - Igiene e Sanità e dell'assistenza sociale;
  • Barbara Manca - Trasporti.

I compiti della Giunta

Il Governo regionale agisce su base collegiale sotto il coordinamento del Presidente per attuare il programma politico della maggioranza.

Delibera sull’indirizzo politico, amministrativo, economico e sociale della propria attività. Approva i disegni di legge che verranno presentati al Consiglio regionale, approva le delibere presentate dagli Assessori e provvede all'esecuzione delle deliberazioni del Consiglio.

Il Governo regionale ha poteri di indirizzo e di direttiva su obiettivi, programmi e priorità, nonché quelli di vigilanza sulla coerenza della gestione amministrativa con le direttive impartite; delibera sull´attività di enti, istituti e aziende regionali e vigila sulla loro gestione; mette a punto gli atti di programmazione, gli schemi di bilancio pluriennale, il bilancio annuale e sue eventuali varianti che dovranno poi essere approvati dal Consiglio regionale.

Per quanto tempo governa la Giunta

La Giunta regionale rimane in carica per i cinque anni della legislatura, a meno che il Consiglio regionale non voti a maggioranza la sfiducia nei confronti del Presidente (con conseguenti cessazione dalla carica, dimissioni dell'esecutivo e scioglimento del Consiglio stesso). Allo stesso modo, la rimozione, l'impedimento permanente, la morte o le dimissioni del Presidente sono causa di dimissioni "automatiche" della Giunta, dello scioglimento del Consiglio regionale e di nuove elezioni.

Il Presidente, in virtù del suo potere di nomina della Giunta, può decidere autonomamente di revocare la delega a singoli Assessori e nominare sostituti.

Tag

Ulteriori Informazioni

Ultima modifica
20/05/2024 12:55