PIANO REGIONALE DI GESTIONE DISTRETTO IDROGRAFICO
Procedura
 
info
Procedura
La Direttiva 2000/60/CE ha istituito un quadro uniforme a livello comunitario per la protezione delle acque superficiali interne, delle acque di transizione, delle acque costiere, delle acque sotterranee, che:
- impedisca un ulteriore deterioramento, protegga e migliori lo stato degli ecosistemi acquatici e degli ecosistemi terrestri e delle zone umide direttamente dipendenti dagli ecosistemi acquatici sotto il profilo del fabbisogno idrico;
- agevoli un utilizzo idrico sostenibile fondato sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili;
- miri alla protezione rafforzata e al miglioramento dell'ambiente acquatico, anche attraverso misure specifiche per la graduale riduzione degli scarichi, delle emissioni e delle perdite di sostanze prioritarie e l'arresto o la graduale eliminazione degli scarichi, delle emissioni e delle perdite di sostanze pericolose prioritarie;
- assicuri la graduale riduzione dell'inquinamento delle acque sotterranee e ne impedisca l'aumento;
- contribuisca a mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccità;
L'obiettivo fondamentale della Direttiva 2000/60/CE è quello di raggiungere lo stato buono per tutti i corpi idrici entro il 2015.
La Direttiva 2000/60/CE è stata recepita in Italia con il D.Lgs 152/2006 che (art. 64) suddivide il territorio nazionale in 8 Distretti Idrografici, tra i quali il distretto idrografico della Sardegna che coincide con l’intero territorio Regionale.
Per ciascun distretto idrografico deve essere predisposto, entro 9 anni dall’entrata in vigore della Direttiva stessa, il “Piano di Gestione del bacino idrografico” che comprende i programmi di misure necessarie per il raggiungimento degli obiettivi ambientali e di sostenibilità nell'uso delle risorse idriche nonché per l’attuazione della normativa comunitaria sulla protezione delle acque.
Il Piano di gestione del bacino idrografico deve essere riesaminato e aggiornato entro il 22 dicembre 2015 e, successivamente, ogni sei anni.


© 2017 Regione Autonoma della Sardegna