Prova la versione BETA del sito e invia la tua opinione
Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Legge stabilità, Cappellacci: "Con modifica art.10 via libera a riduzione 70% dell'Irap in Sardegna"

"Un altro passo in avanti - ha detto il presidente - che consente di dare immediata efficacia, senza più nessuna limitazione, ad un provvedimento finalizzato a dare un boccata d'ossigeno alle imprese e allo stesso tempo apre la strada a quell’autonomia fiscale della Sardegna, necessaria a calibrare le scelte in materia sulle reali esigenze del territorio".
Palazzo della Regione
CAGLIARI, 17 OTTOBRE 2013 - "Il taglio dell'IRAP del 70% deciso dalla Regione Sardegna ora non ha più ostacoli. Auspichiamo che il Parlamento approvi quella parte del disegno di legge del Governo che recepisce la nostra proposta". Lo ha dichiarato il presidente Cappellacci, annunciando che l'esecutivo nazionale ha inserito la modifica dell'articolo 10 dello Statuto nella Legge di stabilità.

"Un altro passo in avanti - ha aggiunto il presidente - che consente di dare immediata efficacia, senza più nessuna limitazione, ad un provvedimento finalizzato a dare un boccata d'ossigeno alle imprese e allo stesso tempo apre la strada a quell’autonomia fiscale della Sardegna, necessaria a calibrare le scelte in materia sulle reali esigenze del territorio. La Regione - ha evidenziato Cappellacci - ha intrapreso un cammino ambizioso, quello di una politica fiscale di vantaggio che deve dare nuova vita al nostro sistema economico sociale, prostrato dalla crisi e da scelte passate poco lungimiranti. Un percorso durato un paio di mesi - ha aggiunto l’assessore Zedda-, passato attraverso un confronto serrato sul piano tecnico e politico. La strada tracciata è quella giusta, consolida i risultati del 2013, e ci fa ben sperare anche per la Finanziaria 2014, nella quale intendiamo proseguire le misure a favore delle imprese e conseguentemente del lavoro. Rivogliamo un appello ai parlamentari sardi - hanno concluso Cappellacci e Zedda- affinché sostengano l’operato della Regione e, al di là delle appartenenze partitiche, difendano il risultato fino all’approvazione finale".